La psicologia del trader di successo.

 

Non è un segreto che il successo di un trader che fa trading manuale dipende in gran parte dalla sua psicologia. E credo che qui ci siano molti signori competenti che hanno letto la letteratura in materia.

Signori, cerchiamo prima di tutto di definire (riassumere) quell'insieme di caratteristiche psicologiche necessarie a un trader per avere successo che diventerà il nostro promemoria o linea guida a cui tendere.

In secondo luogo, presenteremo i metodi, le tecniche o le pratiche a noi note per sviluppare un tale atteggiamento psicologico efficace.

E in terzo luogo, scopriamo se un tale ideale è raggiungibile, o meglio, stimiamo la percentuale del n% di persone che hanno tutte le qualità psicologiche necessarie per un trading di successo.

Da questo (terzo) concludiamo il ruolo estremamente importante del trading automatico per tutti gli altri (100-n)%, che eliminerà da tali commercianti psicologicamente imperfetti un pesante fardello di prendere decisioni difficili (per esempio, chiudere tempestivamente le posizioni perdenti) e sentimenti negativi.

 

Devo aggiungere che la psicologia di una persona è una cosa molto potente, che non solo contribuisce ai suoi successi o fallimenti nel trading, ma anche, in generale, determina in gran parte la sua stessa vita. La psicologia di una persona espressa nel suo comportamento può anche essere usata per giudicare su di lui. In particolare, secondo me, si può determinare psicologicamente quanto sia redditizio un trader anche da quello che dice sui forum. Per esempio, molte persone cercano di posizionarsi come grandi commercianti con tentativi infondati di sminuire gli altri, come: "Impara da me come fare trading! Tali impulsi spontanei, in generale, indicano la presenza di un complesso. Molto probabilmente, un tale commerciante subisce costantemente grandi perdite e, internamente, considerandosi un completo perdente, cerca di elevarsi almeno verbalmente sopra gli altri e, quindi, di affermarsi. Se questo pensiero è espresso in una battuta, si può dire che più "fantasia" si ha, più "perdite" si fanno, altrimenti da dove verrebbe la "fantasia"?

 

Secondo la mia opinione, forse sbagliata ovviamente.

Una volta che una persona inizia a trattare il Forex trading come un gioco e non come un mezzo per fare soldi/arricchimento. Comincia a commerciare con più calma. Sopravvive più serenamente ai ritiri/perdite. E meno una persona si innervosisce a causa di entrate fallite, più adeguatamente può uscire da situazioni problematiche, che a volte si verificano nel suo conto di trading.

 
Konstantin Nikitin:

Secondo la mia opinione, forse sbagliata ovviamente.

Una volta che una persona inizia a trattare il Forex trading come un gioco e non come un mezzo per fare soldi/arricchimento. Comincia a commerciare con più calma. Sopravvive più serenamente ai ritiri/perdite. E meno una persona si innervosisce a causa di entrate fallite, più adeguatamente può uscire da situazioni problematiche, che a volte si verificano nel suo conto di trading.

No, la sua opinione non è affatto sbagliata. In primo luogo, quando si tratta qualcosa come un gioco, i momenti psicologici taglienti vengono smussati (per esempio, il paradosso del super-valore è escluso, perché una persona può facilmente passare su una tavola che si trova a un metro da terra, ma se la stessa tavola si trova a 100 metri dalla superficie, non è facile passarci sopra).E in secondo luogo, con un gioco così rischioso, naturalmente, ci devono essere altre fonti di reddito, Forex è l'unico modo di giocare se si dispone di tali fonti (la saggezza della vita "non mettere tutte le uova in un paniere" - lo stesso MM - avere un portafoglio equilibrato di fonti di reddito)
 

Secondo la mia incompetente opinione, se stai cercando un sistema di trading efficace, dovresti adattare questo TS al tuo carattere. Cioè, il sanguigno con la sua alta attività mentale e l'impazienza non dovrebbe impegnarsi nel trading a lungo termine. E il flemmatico con la sua lentezza non dovrebbe impegnarsi a fare lo scalpo.

 

Trattare il trading come un gioco comporta la tendenza a sviluppare qualità tipiche dei giocatori d'azzardo: una tendenza a prendere rischi eccessivi, un bisogno di perdite periodiche per aumentare l'adrenalina, una cessazione dell'analisi e del lavoro sul sistema di trading. Ma il perfezionismo eccessivo causa altrettanti problemi: il trader tollera a malapena gli errori, si considera un perdente ed è sempre più suscettibile alla depressione. A mio parere, i migliori risultati nel trading combinati con l'armonia interiore si ottengono con un approccio scientifico: il mercato è percepito come un oggetto di studio, dove i risultati negativi non sono meno importanti di quelli positivi, e il successo sta nel trovare modelli privati e comuni. Se, così facendo, riuscite a fare qualche tipo di profitto, questo è un bel bonus. Ma questa è solo la metà del problema generale.
La seconda metà è molto più seria: cosa succederà al mercato se la percentuale di trader di successo aumenta? Cosa succederà alla nozione stessa di successo?

 

Chi gioca d'azzardo, come la roulette, tiene anche statistiche matematiche, trae conclusioni, sviluppa sistemi. Sono sicuri della strada giusta che stanno percorrendo. Cioè, psicologicamente, i giocatori sono persone fiduciose. La fiducia in se stessi è la pietra angolare della psicologia. Prova, parla con qualsiasi psicologo. Ti dirà: "La cosa principale - devi avere fiducia in te stesso: nel lavoro, nella creatività, anche nelle relazioni con le ragazze...". E nel trading - la fiducia in se stessi è una delle qualità principali di un trader...

 
Victor Ziborov:

Chi gioca d'azzardo, come la roulette, tiene anche statistiche matematiche, trae conclusioni, sviluppa sistemi. Sono fiduciosi nel giusto cammino che stanno percorrendo. Cioè, psicologicamente, i giocatori sono persone fiduciose. La fiducia in se stessi è la pietra angolare della psicologia. Prova, parla con qualsiasi psicologo. Ti dirà: "La cosa principale - devi avere fiducia in te stesso: nel lavoro, nella creatività, anche nelle relazioni con le ragazze...". E nel trading - la fiducia in se stessi è una delle qualità principali di un trader...

Stai parlando di giocatori di sistema. E poi ci sono gli imbroglioni. Per loro non è importante il risultato, ma l'adrenalina. E il rilascio di adrenalina è maggiore quando si perde, quindi si sforzano inconsciamente per questo.
 
Sergey Vradiy:
Stai parlando di giocatori di sistema. E poi ci sono i drogati di tradimento. Per loro non è il risultato che conta, ma l'adrenalina. E quando perdono la scarica di adrenalina è maggiore, quindi si sforzano inconsciamente di farlo.

Penso che sia un modo per i tossicodipendenti di combattere la depressione. Non hanno abbastanza serotonina nel loro sistema. Di solito compensano la loro mancanza di serotonina prendendo degli antidepressivi. Ma alcuni prendono la via dell'alcool, e altri quella del gioco d'azzardo con la roulette o il forex trading.

 
Sergey Vradiy:

Trattare il trading come un gioco è gravido del rischio che si formino le qualità tipiche dei giocatori d'azzardo: tendenza al rischio eccessivo, necessità di perdite periodiche per aumentare l'adrenalina, cessazione dell'analisi e del lavoro sul sistema di trading. Ma il perfezionismo eccessivo causa altrettanti problemi: il trader tollera a malapena gli errori, si considera un perdente ed è sempre più suscettibile alla depressione. A mio parere, i migliori risultati nel trading combinati con l'armonia interiore si ottengono con un approccio scientifico: il mercato è percepito come un oggetto di studio, dove i risultati negativi non sono meno importanti di quelli positivi, e il successo sta nel trovare modelli privati e generali. Se, così facendo, riuscite a fare qualche tipo di profitto, questo è un bonus benvenuto. Ma questa è solo la metà del problema generale.
La seconda metà è molto più seria: cosa succederà al mercato se la percentuale di trader di successo aumenta? Cosa succederà alla nozione stessa di successo?

È qui che entra in gioco l'atteggiamento di una persona verso il gioco stesso (non importa quale sia). Se per lui il gioco è solo un mezzo di svago/divertimento... Allo stesso tempo, l'approccio analitico-scientifico per ottenere risultati migliori non è stato annullato. Allora un uomo tratterà le possibili perdite con più calma ed estrarrà dall'esperienza informazioni utili per migliorare la propria strategia di gioco.

In questo caso dobbiamo escludere i pazienti con dipendenza da gioco. Questa è un'altra storia, lascia che se ne occupi la medicina.

 
Sergey Vradiy:
Stai parlando di giocatori di sistema. E poi ci sono i giocatori d'azzardo. Per loro non è il risultato che conta, ma l'adrenalina. E quando perdono la scarica di adrenalina è maggiore, quindi si sforzano inconsciamente di farlo.
Questo è un punto interessante. Qualcuno ha studiato scientificamente questo fenomeno? Se è vero (e le persone non sanno su cosa si concentra la loro subcoscienza), allora per avere successo, un trader deve lavorare con la sua subcoscienza (usando metodi di auto-training, psicoanalisi, auto-allenamento, ecc.)
Motivazione: